polizze vita

Estensione di garanzia macchinari industriali

Macchinari industriali: pregi e difetti

Qualsiasi imprenditore sa bene quanto indispensabile sia avere dei macchinari adeguati alla propria produzione industriale, perfettamente efficienti: anche un solo guasto potrebbe compromettere l’intera filiera, cagionando una serie di ritardi e, nei casi peggiori, l’arresto dell’attività dell’azienda. La digitalizzazione e l’ausilio di apparecchiature sempre più avanzate dal punto di vista tecnologico, infatti, se da un lato ha portato ad una maggiore precisione, dall’altro ha insito il grave deficit che è sufficiente un picco della tensione elettrica o un componente uscito dalla casa produttrice in modo imperfetto per mandare in tilt l’intero ciclo aziendale.

Estensione di garanzia macchinari industriali

Che si tratti di una grande industria automobilistica o di una azienda che produce alimentari destinati alla grande distribuzione, è necessario prima di tutto tutelarsi da macchinari difettosi: gli investimenti necessari sono generalmente particolarmente onerosi ed è indispensabile assicurarsi che il prodotto acquistato sia rispondente alle caratteristiche qualitative richieste ed esente da difetti di fabbrica. A tal fine lo Stato italiano prevede la sussistenza della garanzia legale: il macchinario è assicurato in ogni sua componente, soprattutto sulle parti meccaniche, maggiormente sottoposte a sollecitazione, per il periodo dei dodici mesi seguenti all’acquisto. Molte case produttrici, tuttavia, offrono ai propri clienti una copertura di garanzia maggiore, definita convenzionale, che può superare anche i due anni.

Vantaggi dell’estensione di garanzia

Perché estendere la garanzia dei macchinari industriali? Perché un’azienda non può permettersi di bloccare la propria attività per una inefficienza. E, sfortunatamente, anche con una manutenzione costante ed impeccabile, l’imprevisto è sempre in agguato. Oggi le ditte produttrici, così come i venditori, offrono la possibilità di estendere la garanzia e di poter intervenire in molti casi. Naturalmente la normale usura o casi di ossidazione o corrosione che possono essere riconducibili ad una mancata cura da parte dell’utilizzatore sono esclusi dall’estensione di garanzia.

polizze vita

Annullamento viaggio

Annullamento viaggio: è possibile?

Immaginiamo di essere pronti a partire per una vacanza o per lavoro e trovarci improvvisamente nella condizione di non poterlo fare: dobbiamo necessariamente rinunziare al viaggio programmato a causa di un imprevisto. Per evitare di sommare, come recita un famoso proverbio popolare, al danno la beffa, sarebbe possibile recuperare almeno una parte dei soldi spesi per il volo e per la prenotazione dell’albergo o, quantomeno, non pagare le gravose penali? La risposta è affermativa, stipulando una polizza assicurativa che preveda l’annullamento del viaggio o la sua riprogrammazione qualora ricorrano gravi motivi.

La polizza di annullamento viaggio è una garanzia

Ricorrere ad una assicurazione per l’annullamento del viaggio si rivela in molti casi essere un ottimo investimento per salvaguardare i propri soldi ed evitare di corrispondere le penali che i tour operator e gli albergatori prevedono in caso di disdetta, che peraltro aumentano progressivamente al diminuire del tempo di preavviso dell’annullamento; d’altro canto tale formula assicurativa è spesso proposta proprio dalle agenzie di viaggio e dalle compagnie aeree per rassicurare il cliente dall’insorgenza di eventuali imprevisti. A fronte, infatti, di un costo che si aggira intorno al 5% dell’importo totale, il viaggiatore è coperto da situazioni non dipendenti dalla propria volontà e che impedirebbero la partenza. Un aspetto sul quale prestare attenzione prima della stipula è naturalmente il massimale, ovvero l’importo più alto corrisposto dall’assicurazione in caso di annullamento.

Quali casi copre una polizza di annullamento viaggio

Tanti sono i casi coperti dalla maggior parte delle compagnie assicurative: oltre all’infortunio, ai problemi di salute o al decesso di chi deve viaggiare o di un parente prossimo, molti offrono la possibilità di essere coperti anche qualora si venisse licenziati o assunti a lavoro, così come nel caso di convocazione improvvisa in un processo in qualità di giurato o di testimone. Le polizze prevedono anche la copertura nel caso in cui, per i casi sopra esposti, si fosse costretti ad interrompere il viaggio.

 

polizze vita

Assicurazioni aziende

I rischi connessi ai processi produttivi in azienda

Ogni lavoro, ogni ambiente, ogni “mission” aziendale, in qualunque settore si operi, portano insiti dei rischi: dal lavoro manuale, magari eseguito da un installatore, in condizioni di particolare insicurezza all’omissione involontaria di un medico in sala operatoria; dal danneggiamento di una opera muraria, magari con distacco di materiale, dovuta alla perdita di una conduttura dell’impianto di riscaldamento di un supermercato alla rapina subita in gioielleria; dall’infiltrazione di un hacker nel sistema informatico alla difettosità di un prodotto. Occorre, dunque, tutelarsi per poter lavorare in totale sicurezza e tranquillità, onde poter dare il massimo in termini di produttività.

Assicurazioni aziende: è un obbligo?

Il contratto collettivo del lavoro ha stabilito, per tutte le aziende italiane, l’obbligo di stipula di una polizza contro gli infortuni anche dovuti all’esercizio della professione. Spesso le clausole contrattuali prevedono anche il rimborso delle spese mediche sostenute, i giorni di assenza dal posto di lavoro. Molti manager e capi d’azienda, per dare solidità al lavoro della società, optano per una polizza vita che copra anche in caso di infortunio ed invalidità permanente, usufruendo dei vantaggi e delle agevolazioni fiscali previste dallo Stato. Il motivo è semplice: in caso di infortunio di un qualunque dipendente, soprattutto se specializzato, interromperebbe il ciclo produttivo e prevedere una disponibilità economica permette la formazione di un’altra risorsa umana.

Formule di assicurazioni per le aziende

Ogni settore ha le proprie esigenze e le compagnie assicurative prevedono dei pacchetti “all risks”: dalla polizza multirischi per artigiani che interviene in caso di incendio, furto, infortuni, responsabilità civile a terzi, guasti agli impianti produttivi a forme assicurative specifiche per la tutela dei dati personali, per il rischio ambientale, per le merci trasportate o relativa alla cyber security. Insomma, ogni aspetto del lavoro può essere tutelato. Come scegliere? La soluzione più semplice e meno costosa è quella di affidarsi ad un consulente di rischio, onde verificare le criticità dell’azienda e stipulare una copertura mirata.

polizze vita

Violazione privacy

Violazione della privacy

Appropriarsi dei dati di una persona è una violazione dei diritti dell’uomo, è un reato, ed è sanzionato dal nostro ordinamento giuridico. In particolare, ai sensi dell’articolo 2050 del Codice Civile, esso dà diritto ad un risarcimento del danno patito. Il diritto alla riservatezza, infatti, è fondamentale per l’individuo, in quanto le informazioni riguardanti la persona, la famiglia, le attività economiche, le proprietà ed i beni riguardano la sfera esistenziale e, come tali, sono da preservare; il responsabile di una violazione della privacy può essere un privato che sfrutta i dati personali per trarre profitto o arrecare un danno, o un’azienda, magari per omessa custodia ai dati che le erano stati affidati.

Privacy: dati sensibili, semi-sensibili e personali

Non tutto ciò che riguarda l’individuo è classificabile come dato sensibile. Tale denominazione, infatti, è riservata a ciò che concerne l’appartenenza razziale, il credo religioso, le opinioni politiche, l’iscrizione a partiti, associazioni o sindacati, la salute e la vita sessuale. Accanto a ciò, esistono i dati semi-sensibili, ovvero quelli che riguardano la situazione economica e, in generale, tutto quello che potrebbe potenzialmente danneggiare il titolare dei contenuti. Infine, i dati personali, ovvero le generalità dell’individuo che sovente servono a creare un profilo nei database.

Cosa fare in caso di violazione privacy?

Accertata la violazione della privacy, è possibile sporgere denunzia presso il Garante competente, il cui potere è però limitato all’imposizione di misure più rigide per la gestione dei dati sensibili, o presso l’autorità giudiziaria nel caso in cui si voglia ottenere un risarcimento. Condizione indispensabile per la richiesta di indennizzo per danni patrimoniale, morale o esistenziale, come ha stabilito da Corte Costituzionale nella sentenza 1608 del 2014, è la dimostrazione del nesso di causalità sussistente tra la violazione della privacy e il danneggiamento patito. Le pene comminate, anche per reati perpetrati tramite internet, è la reclusione fino a tre anni ed una sanzione fino a 50.000 €.

polizze vita

Assicurazione professionale medici online

I medici e l’assicurazione professionale

Ogni giorno i medici e gli operatori sanitari esercitano una grande responsabilità nella loro professione: a loro i pazienti affidano la vita ed un errore anche minimo potrebbe portare a conseguenze piuttosto gravi. Ecco il motivo per il quale dal 2014 l’ordinamento normativo prevede l’obbligo di stipula per tutti gli iscritti all’Albo Professionale di una polizza assicurativa sulle responsabilità civili, onde tutelare i medici da una eventuale richiesta di danno, con ripercussioni personali o professionali. Se, in ottemperanza a quanto prevede la Costituzione, il personale dipendente dal Sistema Sanitario Nazionale potrebbe essere dispensato in quanto è lo Stato a rispondere del danno arrecato, la stipula ne è comunque consigliata onde evitare un eventuale, successivo provvedimento della Corte dei Conti.

L’assicurazione professionale per il personale medico: un obbligo alla sicurezza

Assicurare i medici nell’esercizio della loro professione significa coadiuvarli in una missione vera e propria, garantendo la tranquillità sufficiente per poter agire serenamente nell’interesse esclusivo del paziente. Ben lungi, dunque, dall’essere un arido artificio burocratico, l’assicurazione professionale per i medici copre sia per colpa grave che per attività più lievi, quali possono essere gli interventi non invasivi, che nella vita lavorativa esercitata come liberi professionisti, intramoenia che in studi privati.

Assicurazione professionale online dedicata ai medici

L’assicurazione professionale per medici, dunque, è una tutela necessaria e il mondo online sta ascendendo anche in questo ambito, offrendo prodotti concorrenziali e valide condizioni. Al momento della stipula, i fattori ai quali fare attenzione sono costituiti da massimale, ovvero dall’importo massimo corrisposto dalla compagnia assicurativa in caso di colpa, dall’eventuale franchigia prevista e dalle formule connesse alla copertura: la maggior parte delle polizze prevede, infatti, un’efficacia retroattiva rispetto alla data di stipula e non dunque solo all’insorgenza del danno. Può essere utile, infine, verificare se il proprio interlocutore è un broker o una compagnia assicurativa.