polizze vita

Metti una polizza in valigia per partire piu’ tranquillo

Le garanzie dei contratti dedicati ai turisti. Dall’assistenza medica al carro attrezzi, dall’albergo al bagaglio: ecco, voce per voce, le garanzie offerte dalle assicurazioni  per assicurare le vacanze. E le cose da sapere per scegliere la piu’ indicata. Per una vacanza sicura e senza imprevisti e’ meglio mettere in valigia anche un contratto di assicurazione. Ma come scegliere il piu’ adatto? LA CENTRALE OPERATIVA E’ il salvagente di ogni assicurato: da li’ partono i soccorsi in caso di imprevisti. Bisogna comporre il numero telefonico riportato sulla polizza per contattare il centralino (attivo 24 ore su 24) per chiedere un carro attrezzi, un medico, dei medicinali e cosi’ via. Indispensabile fornire, oltre al numero del proprio certificato di assicurazione, un recapito di riferimento. ASSISTENZA ALLA PERSONA  E’ la garanzia che prevede la consulenza medica, il rimborso delle spese ospedaliere o farmaceutiche, delle rette di degenza, le spese per il rientro anticipato a casa Ogni compagnia di assicurazioni ha i propri massimali : per il rimborso delle spese mediche è meglio acquistare – soprattutto per chi i viaggiatori con mete extraeuropee quelle polizze che garantiscono almeno 1 milione di euro, con rimborso diretto della Compagnia alla struttura sanitaria. Sono previste anche un anticipo delle spese legali in caso d’incidente e l’invio di medicinali all’estero. DANNI AL BAGAGLIO  Sono coperti i bagagli se vengono danneggiati per furto, rapina, incendio, smarrimento. Il campo d’applicazione va dalla tutela durante i soli viaggi alla copertura totale anche durante il soggiorno in hotel o abitazioni. SE SALTA IL VIAGGIO E’ una garanzia sempre piu’ apprezzata dai turisti. Che possono prenotare con largo anticipo le loro vacanze sapendo che le penali previste in caso di annullamento per motivi di salute o familiari sono garantite con la polizza. E’ possibile infatti coprire l’annullamento del viaggio dai contrattempi che si verificano all’ultimo minuto, documentando con certificato medico la malattia o l’infortunio o le ragioni di forza maggiore che impediscono la partenza del viaggio già prenotato.

Travel Chest

polizze vita

TROPPI GLI ITALIANI AL VOLANTE CON IL TELEFONINO: il record negativo è condiviso da Verona e Forlì (16%)

Un automobilista italiano su otto (il 12,4%) utilizza il cellulare mentre è alla guida. Incurante del fatto che, secondo i dati Aci/Istat del 2013, la distrazione è la prima causa di incidenti stradali nel nostro Paese. Senza considerare l’eventuale multa, che può arrivare sino a 641 euro e alla perdita di 5 punti di patente. Patente di guida che può essere sospesa da 1 a 3 mesi se si viene «pizzicati» due volte in due anni.
Il dato allarmante è contenuto in una ricerca condotta dall’Associazione Sostenitori e Amici della Polizia Stradale (Asaps) su un campione di oltre 32mila automobilisti monitorati da volontari che hanno aderito alla campagna «Un messaggio salva la vita» e hanno monitorato le strade dello stivale in diversi intervalli orari. I rilevatori si sono appostati, dallo scorso novembre sino a pochi giorni fa, principalmente in alcuni degli incroci più trafficati d’Italia nelle fasce orarie di punta (dalle ore 8 alle 9, dalle 12 alle 13 e dalle 18 alle 19) e in diversi giorni della settimana. Poi l’Asaps ha elaborato diverse statistiche.
La «maglia nera» delle infrazioni spetta al Nord (42,2%), seguito dal Centro (29,3%) e dal Sud (28,5%). Fra le città, il record negativo è condiviso da Verona e Forlì (16%); seguono Torino e Palermo (14%); poi Roma (13,6%) e Napoli (13,5). Più virtuose sono Milano (12%) e Firenze (10,2%).
Dei 4.048 guidatori colti al telefonino, 3.057 sono risultati uomini (75,5%) e 991 (24,5%) donne. Per l’Asaps, curiosamente, le infrazioni aumentano vicino a scuole, centri commerciali, stadi e ospedali. Infine, uno su 5 dei «pizzicati» parlava mentre era fermo al semaforo rosso. Ignorando, forse, che anche questo è vietato dal Codice della Strada.
L’Asaps, in vista dell’esodo di San Silvestro, lancia un appello. «Speriamo — spiega il presidente, Giordano Biserni — che dopo i nostri dati gli italiani evitino di distrarsi alla guida con il telefonino per gli auguri. Aspettare di arrivare a destinazione e rispondere in sicurezza non significa essere scortesi». Tutt’altro.

Fonte : Alessio Ribaudo -Corriere della Sera 28/12/2013

QUANTO COSTA UN KIT VIVAVOCE PER AUTO ?  confronta i prezzi : http://www.trovaprezzi.it/prezzo_accessori-cellulari_vivavoce_bluetooth_per_auto.aspx

photo.auto

polizze vita

FARO DELL’IVASS SUI SITI COMPARATIVI DI ASSICURAZIONI

Tra i consumatori del settore assicurativo sta assumendo una crescente diffusione il ricorso ai siti “comparativi” per l’orientamento e l’acquisto di polizze assicurative, in particolare nella r.c.auto.

L’IVASS ha avviato una verifica del livello di trasparenza di tali siti e delle modalità di comparazione, concentrandosi su:

  • trasparenza delle informazioni rese al pubblico
  • ambito e criteri di comparazione delle polizze
  • conflitti d’interesse derivanti dagli accordi di partnership con le imprese di assicurazione
  • quota di mercato coperta con le comparazioni e trasparenza della informazione resa al pubblico su tale aspetto
  • modalità di remunerazione

    I siti comparativi rappresentano una nuova frontiera per la distribuzione nel settore assicurativo, in grado di stimolare i consumatori a ricercare i prezzi e i prodotti migliori ed incentivando così le dinamiche concorrenziali. Occorre però garantire la trasparenza delle modalità attraverso le quali le graduatorie vengono costruite e presentate ai consumatori.

    A seguito di questa prima analisi l’IVASS ha deciso di svolgere nel mese di gennaio 2014 una serie di incontri con i broker gestori dei siti comparativi e con le principali imprese di assicurazione interessate dalle comparazioni, al fine di approfondire taluni aspetti e indicare al mercato best practices da seguire, con l’obiettivo di garantire la piena tutela dei consumatori che sempre più numerosi utilizzano questi strumenti di comparazione. .

  • Fonte : Comunicato stampa IVASS 11/12/2013
  • logo_ivasshome