polizze viaggi

Vacanze, metti la sicurezza in valigia

Tra positività al Covid-19 e voli cancellati, i contrattempi sono sempre più frequenti. Ecco come proteggersi con una polizza

In queste settimane i viaggiatori sono alle prese con le vacanze, anche se  sempre più imprevisti minano la loro partenza. Due sono i principali timori: la cancellazione o il ritardo dei voli; il contagio da Covid-19 che impedisce di partire,o di continuare il soggiorno, con il relativo obbligo di quarantena in struttura.

A tutela del viaggiatore ci sono due paracadute: il primo è il regolamento europeo 261/04, che per la cancellazione o il ritardo superiore a tre ore per viaggi aerei ( non dovuto a circostanze eccezionali)  riconosce il diritto al passeggero di essere rimborsato di un importo tra i 250, i 400 o i 600 euro se la tratta è rispettivamente inferiore a 1.500 km, a 3.500 km, o superiore a quest’ultima. Per  il secondo paracadute bisogna stipulare una apposita «assicurazione viaggio» per la durata della vacanza, controllando che siano presenti garanzie per annullamento o quarantena.

Come funziona

La polizza assicurativa da mettere in valigia tutela principalmente il viaggiatore e/o i suoi compagni di viaggio per il rimborso delle spese mediche, i danni ai bagagli, l’annullamento del viaggio per infortunio o malattia e anche nelle polizze più complete, anche per insorgenza della patologia pandemica, come il Covid.

Ma quali sono  le principali garanzie da controllare?

La prima è la «Assistenza alla persona»: tale  garanzia si attiva nel caso in cui un improvviso infortunio, o una malattia, non consentano la prosecuzione del viaggio. È importante che sia prevista la consulenza medica, il rimborso delle spese ospedaliere o farmaceutiche, delle rette di degenza o per il rientro anticipato a casa. Ogni compagnia di assicurazioni ha i propri massimali: per il rimborso delle spese mediche è meglio acquistare (soprattutto per mete extraeuropee) polizze che garantiscono almeno 100 mila euro, specie se si rendesse necessario un intervento chirurgico. Per un intervento di appendicite, ad esempio, si spendono circa 7.500 euro in Europa e fino a 25 mila euro in alcune parti degli Stati Uniti. Una visita al Pronto soccorso in un ospedale di Miami può arrivare a costare fino a 53 mila euro.

La seconda garanzia è il «Bagaglio»: sono coperti i bagagli se vengono danneggiati per furto, rapina, incendio, smarrimento. Il campo d’applicazione va dalla tutela durante i soli viaggi alla copertura totale anche durante il soggiorno in hotel o abitazioni.

La terza è «Se salta il viaggio»: i turisti possono prenotare con largo anticipo le loro vacanze sapendo che le penali previste in caso di annullamento sono garantite con la polizza. È possibile, infatti, coprire l’annullamento del viaggio dai contrattempi che si verificano all’ultimo minuto, documentando con certificato medico la malattia o l’infortunio o le ragioni di forza maggiore che impediscono la partenza. La copertura  va acquistata di norma contestualmente alla prenotazione della vacanza.

«Annullamento viaggio a seguito di pandemia o quarantena» è invece la garanzia che scatta per l’insorgenza di una patologia che abbia carattere di pandemia e colpisca l’assicurato, un suo familiare o un compagno di viaggio. Vale anche in caso di positività alla patologia dopo il check-in, oppure se l’assicurato è in quarantena con isolamento fiduciario o sorvegliato.

 Un’altra clausola che non deve mancare nelle nuove polizze viaggi è  «Spese di vitto e alloggio forzato»,  che rimborsa le spese di vitto ed alloggio in caso di fermo sanitario dell’assicurato, disposto dall’autorità competente per i seguenti motivi: di sicurezza al momento del suo arrivo presso l’aeroporto del Paese di destinazione o di transito; durante il corso del viaggio o soggiorno allo scopo di effettuare accertamenti sanitari;  in caso di dichiarata quarantena con permanenza forzata sul posto.

Il costo di una polizza viaggi per 2 persone in viaggio per una settimana ? Tra i 100 ed i 266 euro, a seconda della destinazione. Il massimale di rimborso spese mediche va dai 50 mila euro per le polizze in Europa fino a un milione per proteggersi dagli elevati costi sanitari degli Usa.

Paolo Golinucci – Corriere della Sera – L’Economia. 25/07/2022