assicurazioni

RSA sells Singapore and Hong Kong businesses to Allied World for £130m

singapore-city-sunset

Cash deal comes with promise of more disposals over next 18 months.

RSA has sold its Singapore and Hong Kong branches to Allied World for £130m in cash, made up of £93m for the former and £37m for the latter.

Both operations underwrite a mix of commercial specialty and retail business and senior management are expected to remain with the respective businesses at completion.

Net written premiums for RSA’s operations in Singapore in 2013 were £66m with a pre-tax profit of £12m. In the same year Hong Kong had net written premiums of £47m with a pre-tax profit of £5m.

The deals, which are not dependent on both occurring, are subject to regulatory approval and are expected to complete in the first half of 2015.

Capital strength
According to the provider, the disposal of RSA Singapore and RSA Hong Kong will result in a net gain of £110m and an addition to the its tangible net assets of approximately £95m, further improving the group’s capital strength.

Stephen Hester, RSA group chief executive, said: “This transaction builds further on the momentum of our recently announced disposals in the Baltics, Poland, Canada (Noraxis) and China, and represents continued progress against our aim of tightening the strategic focus of the group.

“Further disposals are targeted over the next 12-18 months to complete this process.”

 

Author: Emmanuel Kenning

Source: IA | 22 Aug 2014

assicurazioni

Medici obbligati ad assicurarsi ma il caro-polizza lo paga il paziente

 

Mai più in sala operatoria o in ambulatorio senza la polizza. I medici privati italiani, oltre 200mila professionisti, da giovedì prossimo dovranno avere l’assicurazione per la responsabilità civile, altrimenti riceveranno una sanzione disciplinare. Per i pazienti significa una maggiore tranquillità, perché ora sanno che in caso di errori potranno ottenere il risarcimento non soltanto dagli ospedali pubblici, ma anche tariffe più alte se scelgono il professionista privato. Del resto le polizze sono carissime, la media è di circa mille euro al mese ma per certi professionisti, come i ginecologi, arrivano anche al doppio. I costi legati al rischio di sbagliare verranno in parte recuperati dai clienti. Al di là della spesa per il medico, l’idea che fino ad oggi qualcuno potesse non essere assicurato è piuttosto inquietante. «E infatti il problema non è tanto il nuovo obbligo, che è giusto — spiega Amedeo Bianco, presidente della federazione degli Ordini dei medici — Il fatto è che negli ultimi anni per una serie di categorie, come i ginecologi, gli ortopedici, i chirurghi vascolari e plastici, è cresciuto tantissimo il valore dei premi. Noi non chiediamo che l’assicurazione non sia obbligatoria, ma che il ministero lavori sui costi assicurati- vi e sui vari aspetti delle polizze e soprattutto sul contenzioso. Oggi nel nostro Paese vengono avviate troppe cause per colpa medica, con valori dei risarcimenti altissimi».

 

Da tempo si auspica una riforma del codice penale che riveda la colpa professionale sanitaria e renda più remoto il rischio di finire dentro un dentro un processo per i camici bianchi. I quali, quando vanno davanti al giudice, vengono condannati per poco più dell’1% dei casi. Negli altri casi arrivano assoluzioni o prescrizioni. La paura di finire coinvolto in un processo spinge il medico anche a un comportamento dannoso per la collettività, cioè la medicina difensiva. Si tratta della tendenza a prescrivere, per paura di sbagliare, esami e visite inutili che costerebbe al nostro sistema oltre 10 miliardi di euro all’anno.

 

Mentre i circa 115mila medici nel servizio pubblico sono assicurati dalle Asl e devono fare una polizza, da 5-600 euro all’anno, solo per proteggersi dal rischio che nel processo venga riconosciuta la colpa grave, oltre 200mila camici bianchi devono fare da sé. Si tratta di coloro che fanno la libera professione, degli odontoiatri, dei convenzionati come le guardie mediche, i pediatri e i medici di famiglia. Quest’ultimo gruppo è da tempo piuttosto sensibile al problema ed essendo particolarmente unito e con un forte potere contrattuale ha fatto convenzioni con varie compagnie. I maggiori problemi sono per chi lavora nel privato, in particolare i chirurghi. Bianco segnala il rischio, ad esempio per i giovani appena usciti dalla specializzazione in discipline come la ginecologia, di non riuscire a pagarsi la polizza. In caso di incidenti rilevanti inoltre, può anche accadere che l’assicurazione non accetti di rinnovare il contratto. Il ministero della Sanità, a fine anno, dovrebbe essere in grado di attivare un “fondo di solidarietà” per le categorie più a rischio.
Nei giorni scorsi l’Ania, l’associazione che riunisce le imprese di assicurazione, ha fatto sapere che per poter risolvere il problema delle polizze troppo alte bisogna «circoscrivere la responsabilità dei medici e delle strutture, attuare misure di gestione del rischio, e porre un tetto ai danni, approvando tabelle per quelli biologici». Insomma, le polizze si abbassano solo se si riducono i risarcimenti. Chissà cosa ne pensano i pazienti che subiscono le conseguenze di un errore medico.

 

Fonte : Michele Bocci – Repubblica 12 agosto 2014

responsabilita'-civile-medici-costi

assicurazioni

ASSICURAZIONE PROFESSIONALE OBBLIGATORIA DAL 14/08/2014 per 211.000 MEDICI

 

Mai più in sala operatoria o in ambulatorio senza la polizza. I medici privati italiani, oltre 200mila professionisti, da giovedì prossimo dovranno avere l’assicurazione per la responsabilità civile, altrimenti riceveranno una sanzione disciplinare. Per i pazienti significa una maggiore tranquillità, perché ora sanno che in caso di errori potranno ottenere il risarcimento non soltanto dagli ospedali pubblici, ma anche tariffe più alte se scelgono il professionista privato. Del resto le polizze sono carissime, la media è di circa mille euro al mese ma per certi professionisti, come i ginecologi, arrivano anche al doppio.

Mentre i circa 115mila medici nel servizio pubblico sono assicurati dalle Asl e devono fare una polizza, da 5-600 euro all’anno, solo per proteggersi dal rischio che nel processo venga riconosciuta la colpa grave, oltre 200mila camici bianchi devono fare da sé. Si tratta di coloro che fanno la libera professione, degli odontoiatri, dei convenzionati come le guardie mediche, i pediatri e i medici di famiglia.

Fonte : Michele Bocci – Repubblica 12 agosto 2014

medici-assicurazione-obbligatoria