assicurazioni

UNA PROTEZIONE DALLE FRODI ONLINE & CYBER-RISK

Con la crescita degli attacchi informatici alle aziende, ecco una serie di frodi online che si possono assicurare, con apposite polizze, e consentire alle aziende di mantenere la massima attenzione sul trattamento dei dati ed essere conformi con il Regolamento Europeo EU 679/2016 GDPR ,applicabile e sanzionabile dal 25/05/2018.

Malware

Gli hacker hanno inviato una e-mail di phishing con un allegato  un documento di testo fasullo a un membro del team di account all’interno di una piccola azienda di commercialisti. All’apertura dello allegato, è stato installato automaticamente un pezzo di software per la registrazione delle chiavi che consentiva agli hacker di raccogliere dati di accesso cruciali e quindi accedere al portale bancario dell’azienda con le credenziali di uno dei loro utenti.L’assicurato è stato contattato dalla banca dopo che gli hacker avevano avviato diversi bonifici bancari e lotti ACH dal conto dell’assicurato a conti situati in Nigeria. Dopo aver verificato con l’utente le cui credenziali erano state utilizzate per istruire le transazioni, l’azienda ha incaricato una società di informatica forense per stabilire cosa era successo e
rimuovere il malware dal sistema. Dopo essere riuscito a richiamare alcuni dei bonifici bancari, l’azienda è rimasta con 164.000 sterline persi in furti di fondi elettronici e costi di 15.000 sterline per il lavoro di informatica forense.

Phishing
Il controllore finanziario di un piccolo studio legale ricevette una telefonata da qualcuno che pretendeva di provenire dalla banca della compagnia, avvisando che alcuni bonifici sospetti erano stati segnalati sul conto commerciale. Il chiamante ha insistito sul fatto che l’azienda potrebbe aver già rubato dei fondi dal suo conto e si è trovata in pericolo immediato che tutti i fondi rimanenti siano stati svuotati a meno che non abbiano bloccato il conto, per il quale la banca avrebbe dovuto dirgli la password e il PIN codice.
Non volendo essere la causa di ulteriori perdite, il controllore finanziario ha confermato il codice pin e la password al chiamante, che ha poi confermato che il blocco era stato applicato con successo e che sarebbero stati nuovamente in contatto una volta risolta la situazione.Dopo aver chiamato la banca il giorno successivo per il check-in, il controllore finanziario è stato informato che la banca non era stata effettivamente in contatto e che 89.991 sterline erano state collegate a tre conti all’estero in nove transazioni separate.Ormai era troppo tardi per ricordare le transazioni e apparentemente erano state autorizzate, nessun rimborso era stato offerto dalla banca.

Hacking telefonico
Una società di broker assicurativo ha recentemente installato un nuovo sistema telefonico VOIP (web hosted) nei propri uffici per ridurre i costi delle chiamate. I truffatori sono riusciti a utilizzare un pezzo di software per decifrare la password della rete telefonica e hanno programmato il sistema telefonico per effettuare ripetutamente chiamate a un numero a tariffa premium di loro proprietà.
Un mese dopo, l’azienda è stata contattata dal proprio fornitore di rete telefonica per confermare di aver accumulato £ 25.000 di chiamate. Nonostante confermino di essere state le vittime dell’hacking, la compagnia telefonica ha insistito sul pagamento del conto in sospeso.


Ransomware
Il titolare di uno studio medico privato ha acceso il suo computer il lunedì mattina per essere accolto con un messaggio che dichiarava che ogni singolo record dei pazienti sulla rete era stato crittografato e che una somma di £ 30.000 doveva essere pagata in bitcoin in cambio della chiave di decodifica.
L’assicurato ha contattato una società di informatica legale che ha confermato che il livello di crittografia significava che sarebbe stato quasi impossibile accedere ai dati senza la chiave di crittografia e che l’unica altra alternativa era cancellare la rete del ransomware e cio’ poteva portare a cancellare tutti i file di dati. Era trascorso una settimana dall’ultimo backup del software, il che significava che i dati critici del paziente sarebbero andati persi – e quindi il riscatto era stato pagato. Forensics è stato poi ingaggiato per rimuovere qualsiasi malware rimanente dalla rete al costo di £ 10.000. Costo del sinistro £ 40.000.


CEO Fraud
Un indirizzo e-mail fraudolento e quasi identico per l’amministratore delegato di un imprenditore edile di medie dimensioni è stato creato da truffatori che lo hanno utilizzato per istruire un individuo nel reparto contabilità a effettuare un bonifico bancario di £ 50.000 a un nuovo fornitore di materiali. L’e-mail dichiarava che il nuovo fornitore veniva utilizzato per reperire materiali aggiuntivi per un lavoro cruciale e che il pagamento doveva essere effettuato con urgenza per garantire la consegna delle merci.
L’e-mail è stata inviata mentre il manager era in vacanza in modo tale che non fosse possibile effettuare alcuna verifica faccia a faccia. Il conto a cui erano stati trasferiti i fondi in realtà apparteneva ai truffatori che erano in grado di recuperare il denaro prima che la transazione potesse essere richiamata.I cinesi sfruttano i commercianti di armi informatiche per diffondere malware.

Per conoscere maggiori dettagli sulle assicurazioni a protezione del “cyber risk” , essere conformi al G.D.P.R.e alle misure adeguate di “cybersecurity ” , GOLINUCCI srl è a vostra disposizione . email dpo@golinucci.it , telefono 0547 22351.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...